Archivi tag: carboidrati

I professionisti del pistacchio

Standard

b7335d268181bd82cbc9880955a12934

Ebbene si, lo confesso: la vera professionista del pistacchio non sono io, bensì la F.lli Rebecchi che commercializza le fantastiche bustine di farina di pistacchio (provate voi a sgusciarvi tutti i pistacchi uno per uno!). E questa è la ricetta scopiazzata direttamente dalla confezione:

TORTA AL PISTACCHIO

ingredienti

1 confezione di farina di pistacchi F.lli Rebecchi (= 80 g)

2 uova

1 bustina di lievito per dolci

1 bustina di vanillina

120 g zucchero

200 g farina 00

1 vasetto yogurt bianco naturale intero (o anche magro) (= 125 g)

110 ml olio di semi

  • Preriscaldare il forno a 200°C e imburrare una tortiera o uno stampo da ciambella
  • In una terrina lavorare con l’aiuto delle fruste elettriche la farina con lo yogurt e con l’olio
  • Unirvi tutti gli altri ingredienti
  • Versare il composto nella tortiera e infornare per 30 min circa (fare la prova stecchino per verificare la cottura)
  • Lasciar raffreddare completamente prima di sformare su di un piatto da portata.

Piace tanto ai bambini! Inoltre i pistacchi, oltre ad essere piccoli, verdi e simpatici, costituiscono un’ottima fonte di ferro, calcio, potassio, zinco e fosforo!

A-09-farina-di-pistacchi

Let’s Get Paranoid: mi abbuffo perché sono a dieta.

Standard
No Diet, Please

Più si avvicina l’estate, più l’ossessione si fa follia!

Leggo sul portale “VivereDonna.it”: “Sempre e solo una cosa accomuna noi donne… la costante voglia di dimagrire e perdere peso…“. Segue un lunghissimo elenco cliccabile di “tutte le migliori diete veloci dal successo garantito” disponibili oggi sul mercato “così potrai scegliere la dieta perfetta, fatta apposta per te“: la dieta Last Minute del panino, la dieta Veloce dei Tre Giorni, la dieta HCG (500Kcal/giorno + inizioni di ormoni); la dieta della sigaretta (accendere sigarette ad oltranza piuttosto che mangiare), la dieta Americana (tante proteine, zero condimenti), la dieta Drenante, la dieta Senza Sale, la dieta del Lunedi (perdi 1 Kg in 1 giorno), la dieta Metabolica (4 giorni senza carboidrati)… in tutto ben 47 diverse proposte in vista della famigerata prova costume!

Sicuramente la signora in poltrona nell’immagine qui sopra le avrà già provate tutte!

Ma non è ancora chiaro che le diete sono un business miliardario?! Allora smettiamo di cascarci!

Si, di cascarci, perché, oltre a dare i nostri soldi alla già fin troppo “nutrita” industria farmaceutica (dove finiscono tutti gli euro spesi in prodotti light, edulcoranti, pillole dimagranti, beveroni, tisanoreiche…), le diete non solo non mantengono affatto quello che promettono, ma ci fanno ingrassare!

Una dieta, anche la più personalizzata prescritta da un medico, è per definizione un regime di privazione.

Quante volte abbiamo sentito affermare “oggi mangio, tanto settimana prossima prendo appuntamento dal dietologo”, oppure “comincio la dieta lunedi, così oggi posso mangiare”? E “mangiare” di solito significa abbuffarsi, senza alcun ascolto alle nostre sensazioni fisiche di appagamento o di appetito, senza alcun ascolto alle nostre preferenze alimentari del momento: “avrei voglia di frutta, ma siccome tra poco mi metterò a dieta, ordino una millefoglie”.

La dieta modifica i nostri pensieri in questo senso. Fa perdere l’approccio spontaneo al cibo come nutrimento. Terrorizzati dalla penuria che ci aspetta con il regime dimagrante, facciamo il pieno in anticipo. Oppure, sopportato un periodo più o meno lungo di privazioni alimentari per rimettersi in forma in vista dell’estate, di un matrimonio, di una festa importante… ci rifacciamo poi ampiamente con gli interessi (tipico di solito della privazione a maggio/giugno cui  segue l’ingrasso estivo con happy hour, cocktail sulla spiaggia, pizze, fritti, birre e gelati a crepapelle).

L’effetto yo-yo che ne deriva è ormai ampiamente riconosciuto.

E allora? Allora basta, per favore!

L’unico modo per uscire da questa spirale è rifiutare tutte le regole date a priori e re-imparare ad ascoltarsi. Di che cosa ho voglia? Di che cosa sento il bisogno? Ho veramente fame? E’ veramente buono? Mi piace davvero? Lo sto mangiando perchè mi hanno insegnato che non si lascia niente nel piatto? Lo sto mangiando perché non voglio deludere chi l’ha preparato? Lo sto mangiando per non doverlo buttare?

Queste sono le domande che dobbiamo farci, insieme a quella, un po’ paranoica ma forse utile, che è “chi ci guadagna?”

Le risposte possono essere le più svariate, una sola è sicuramente vera: “Io no!”