Archivio mensile:novembre 2012

Karma cafe: decisamente ci meritiamo tutto questo!

Standard
Karma cafe

Nelly, bellissima, sorridente, Venere color cioccolato,  proponeva i piatti dalla sua Costa d’Avorio nel tranquillo localino dietro casa mia. La giornata intera passata a cucinare da sola sul retro, con il sottofondo di Radio Popolare, si interrompeva solo per servire ai banconi da take away, sotto l’ipnotico inseguirsi di bianco e nero dell’arazzo “l’occhio della strega”,  il suo cus cus con le verdure, lo spezzatino di manzo e zucca, i gamberoni speziati… Con Nelly ho capito che cosa significa cucinare e che cosa significa mangiare, tanto che spesso andavo a trovarla da sola per poter gustare i suoi piattini in mistico silenzio interiore e ad occhi chiusi.

All’improvviso, un giorno di qualche tempo fa, passando davanti ai tre gradini del suo negozio, mia figlia ad io abbiamo trovato un cartello e abbiamo letteralmente pianto: “Eravate in molti, ma non abbastanza. L’avventura di Le Canary per ora finisce qui. Grazie a tutti“.

Oh Nelly, con la tua calma, con l’arrotata erre francese della tua pronuncia e i colori accesi e contrastanti che inaspettatamente accoglievano sulla soglia del tuo Le Canary, dove sei?

Perché il nostro Karma ci infligge ora, al posto tuo, la pizza al trancio, le patatine coperte di ketchup e gli squallidi hot dog di un locale giallo e rosso simil-Mac Donald’s la cui insegna untuosamente recita “Il Mangione”?! Perché il mito dell’abbondanza sul quale abbiamo costruito la nostra idea di vivere civile continua a vincere sull’amore, sulla qualità e sul tempo dedicato? Non l’abbiamo ancora capito che il troppo non porta da nessuna parte, che il troppo non solo ingrassa, ma consuma e spreca e non da niente in cambio, se non una panza bella piena e un cervello bello vuoto?!

Continuiamo così: buon Alka-seltzer a tutti!

Cose che si possono fare con due rotoli di pasta sfoglia pronta

Standard
Horrible Dinner Party

Un Happy Hour quasi… last minute con 2 rotoli di pasta sfoglia fresca pronta (tipo Buitoni o Giovanni Rana) e poco altro:

SALATINI

  • In una fondina o ciotola sbattete 1 uovo intero con un pizzico di sale;

  • Spennellatelo sulla pasta sfoglia e cospargete con del parmigiano grattuggiato;

  • Rubate le formine del Didò ai vostri figli e, dopo averle lavate (ovvio), incidete la pasta con gli animaletti, gli alberelli, le letterine etc…;

  • Trasferite i salatini sulla placca del forno foderata con l’apposita carta oleata e cuocete in forno caldo a 200° C per circa 7/8 minuti.

QUICHES RUSTICHE:

al Cotto e Mozzarella e alla Fontina

  • Reimpastate la sfoglia avanzata dalla preparazione dei salatini e dividetela in due;

  • Con l’aiuto di un matterello, tirate gli impasti in tondo fino a formare 2 dischi e trasferiteli in due tortiere di circa 25 cm di diametro foderate con carta da forno;

  • A parte preparate la farcitura sbattetendo 6 uova intere; unitevi qualche cucchiaio di panna da cucina e 2 dl di latte; infine insaporite con sale, pepe e un poco di timo;

  • Tagliate a striscioline 120 g di prosciutto cotto in una fetta sola; tagliate una mozzarella di bufala a dadini e 200 g di fontina valdostana a strisce sottili;

  • Con il prosciutto e la mozzarella formate il ripieno di una delle due torte salate, con la fontina il ripieno dell’altra;

  • Coprite entrambe con la farcitura che avete preparato;

  • Cuocete in forno caldo a 180° C per circa 30/35 minuti.

RIPIENI ALTERNATIVI PER LE QUICHES:

al Tonno e Peperone

  • In una padella antiaderente stufate un piccolo peperone giallo tagliato a striscioline lunghe e sottili, insieme con uno spicchio d’aglio tagliato finissimo e con un paio di acciughe a pezzetti (cuocete a fiamma bassa e con coperchio per circa 15 min);

  • A fine cottura aggiungete 1 scatoletta di tonno sott’olio ben sgocciolato;

alle Zucchine

  • In una padella antiaderente rosolate una confezione di zucchine surgelate a rondelle, salate e cuocete a fiamma bassa e con coperchio per il tempo indicato sulla confezione.

STUZZICHINI VELOCISSIMI

  • Avvolgete delle fette di prosciutto crudo su dei grissini lunghi;

  • Infilzate con degli stuzzicadenti dadini di pecorino dolce 0 di scamorza affumicata e acini d’uva bianca lavata;

  • Sempre su stuzzicadenti, infilzate dadini di parmigiano e dadini di ananas al naturale (per non avere troppi sprechi comprate di entrambi le confezioni già porzionate a dadini);

  • Predisponete una ciotolina con gustose olive, una con capperi da aperitivo e una con pistacchi al naturale;

Infine… un calice di prosecco e… buon aperitivo!!!